Prezzo
Prezzo - slider
610
Selezione
Selezione
Mostra tutti
Confezione
Confezione
Nazione
Nazione
Mostra tutti
Regione
Regione
Mostra tutti
Tipologia
Tipologia
Mostra tutti
Produttori
Produttori
Mostra tutti
Anno
Anno
Mostra tutti
Formato
Formato
Mostra tutti
Abbinamenti
Abbinamenti
Mostra tutti
Premiati
Premiati
Mostra tutti

Nero di Troia

Il Nero di Troia, noto anche come Uva di Troia o Uva della Marina, è un vitigno autoctono della regione Puglia, particolarmente valorizzato nelle province di Foggia, Barletta-Andria-Trani e Bari, in special modo nelle aree costiere e vicino al Castel del Monte. Questo vitigno produce vini dal colore rubino intenso, noti per il loro carattere robusto e la ricchezza di polifenoli. Le loro note organolettiche includono sentori di ciliegia, ribes nero, pepe nero e tabacco, con una texture quasi setosa che bilancia l’acidità e i tannini raffinati.

Il Nero di Troia si abbina perfettamente con piatti a base di carne, come arrosti, selvaggina, agnello, e primi piatti con sughi corposi, oltre a formaggi stagionati e zuppe di legumi nelle serate invernali. È un vino che si presta bene sia al consumo giovane sia all’invecchiamento, grazie ai recenti metodi di lavorazione che ne esaltano la fruttosità e rendono i tannini più morbidi​

Caratteristiche del Nero di Troia

Il Nero di Troia, un vitigno autoctono della Puglia, è celebre per le sue peculiari caratteristiche sensoriali che lo rendono unico nel panorama vinicolo italiano. Scopriamo le principali caratteristiche organolettiche che contraddistinguono questo vino.

Colore (Esame Visivo)

  • Il Nero di Troia presenta un intenso colore rosso rubino, che tende a tonalità più scure come il rosso violaceo.
  • Con l’invecchiamento, le sfumature violacee tendono a diminuire, lasciando spazio a un rosso più profondo.

Note Olfattive (Esame Olfattivo)

  • Nei vini giovani, si evidenziano profumi intensi dominati da note fruttate come mora e ciliegia, arricchiti da sfumature di prugna matura.
  • Con l’affinamento emergono note speziate più complesse, tra cui chiodi di garofano e pepe nero, che aggiungono profondità al bouquet.

Caratteristiche al Gusto (Esame Gusto-Olfattivo)

  • Il Nero di Troia è un vino robusto con una marcata tannicità, soprattutto quando giovane. Questa caratteristica si attenua con l’invecchiamento, portando a un gusto più rotondo e complesso.
  • Al palato, si distinguono sapori di frutta matura con accenti di spezie e macchia mediterranea, fornendo una struttura ampia e un finale persistente.
  • Nonostante la sua robustezza, il Nero di Troia mantiene un buon equilibrio, con un perfetto bilanciamento tra alcolicità e sapidità.

    Zone di produzione tipiche del Nero di Troia

    Il Nero di Troia, un vitigno caratteristico del sud Italia, è principalmente coltivato in Puglia, ma ha anche trovato terreno fertile in altre parti del mondo.

    Produzione in Italia

    • La zona principale di coltivazione è in Puglia, in particolare nelle province di Foggia, Barletta-Andria-Trani e Bari.
    • Il vitigno si distingue in due sottospecie principali: la “”ruvese””, più diffusa e produttiva, e la “”canosina””, meno produttiva ma di elevata qualità.
    • Alcune delle denominazioni di origine controllata (DOC) e denomazioni di origine controllata e garantita (DOCG) che includono il Nero di Troia sono: Cacc’e Mmitte di Lucera, Castel del Monte, Rosso Barletta, e altre.

    Produzione all’Estero

    • Il Nero di Troia si è diffuso anche oltre i confini italiani, trovando terreno adatto in diversi paesi, tra cui Australia, Portogallo, Svizzera, Croazia, Stati Uniti, Nuova Zelanda, Germania, Ungheria, Cile e Sudafrica.

    Questo vitigno, apprezzato per le sue qualità enologiche, ha dunque trovato un posto di rilievo non solo nella tradizione vitivinicola italiana, ma anche in quella di molti paesi stranieri, testimoniando la sua versatilità e l’interesse crescente a livello globale.

    Abbinamenti consigliati con il Nero di Troia

    Il Nero di Troia, vitigno emblematico della Puglia, è noto per le sue caratteristiche organolettiche distintive che lo rendono adatto a diversi abbinamenti culinari. Sia nella sua versione giovane che in quella più matura, questo vino si abbina splendidamente con una varietà di piatti.

    Abbinamenti con Nero di Troia Giovane

    • Nei suoi primi anni, il Nero di Troia, con tannini più duri e un profilo floreale e fruttato, si abbina bene con carni dal gusto deciso. L’intensità del vino ammorbidisce la robustezza della carne, mentre la struttura del vino esalta le preparazioni saporite.
    • Si consiglia di abbinare con piatti come faraona alla salvia, arrosto di maiale, oca in agrodolce e spezzatino con patate.

    Abbinamenti con Nero di Troia Maturato in Barrique

    • Quando invecchiato in barrique, questo vino diventa più raffinato e armonico, adatto a primi piatti con ragù ricchi, zuppe di legumi e formaggi stagionati.

    Abbinamenti per il Nero di Troia in Generale

    • Per sfruttare al meglio le sue caratteristiche, è consigliato abbinarlo con piatti tipici della cucina pugliese, come faraona ripiena e agnello in agrodolce.
    • Si sposa bene anche con una vasta gamma di piatti a base di carne e selvaggina, preparazioni saporite, agrodolci o speziate.
    • Ricette come l’arrosto di maiale, la lepre in agrodolce e altri piatti ricercati sono abbinamenti ideali.

    La versatilità del Nero di Troia lo rende un vino ideale per esplorare un’ampia gamma di abbinamenti, capaci di valorizzare sia la cucina tradizionale che le creazioni più innovative.

Prezzo
Prezzo - slider
610
Selezione
Selezione
Mostra tutti
Confezione
Confezione
Nazione
Nazione
Mostra tutti
Regione
Regione
Mostra tutti
Tipologia
Tipologia
Mostra tutti
Produttori
Produttori