Prezzo
Prezzo - slider
1995
Selezione
Selezione
Mostra tutti
Confezione
Confezione
Nazione
Nazione
Mostra tutti
Regione
Regione
Mostra tutti
Tipologia
Tipologia
Mostra tutti
Produttori
Produttori
Mostra tutti
Anno
Anno
Mostra tutti
Formato
Formato
Mostra tutti
Abbinamenti
Abbinamenti
Mostra tutti
Premiati
Premiati
Mostra tutti

Barbaresco

Il Barbaresco DOCG è un vino rosso di prestigio, prodotto esclusivamente nel cuore delle Langhe piemontesi, in particolare nei comuni di Barbaresco, Neive, Treiso e nella frazione di San Rocco Senodelvio di Alba. Questo vino è rinomato per il suo colore rosso granato, che evolve con l’invecchiamento assumendo tonalità aranciate. Il Barbaresco si distingue per il suo bouquet complesso e variegato, che spazia dalle note floreali e fruttate fino a quelle speziate. La sua struttura acido-alcolica è bilanciata e si arricchisce con l’invecchiamento, risultando in un sapore potente e armonico.

Prodotto al 100% con uve Nebbiolo, il Barbaresco ha una gradazione alcolica minima del 12,5% e deve sottostare a un invecchiamento obbligatorio di almeno 26 mesi, di cui 9 in botte, per la tipologia standard, e di 50 mesi, sempre con almeno 9 mesi in botte, per il Barbaresco Riserva.

Tra gli abbinamenti gastronomici consigliati spiccano piatti piemontesi a base di funghi, formaggi stagionati e carni arrosto, in particolare quelle rosse e il pollame. Il Barbaresco si abbina splendidamente anche al tartufo bianco di Alba e si presta a essere degustato anche come vino da meditazione, in particolare con formaggi erborinati accompagnati da miele e nocciole. Inoltre, è ideale con primi piatti dai sughi di carne, tajarin, brasati e selvaggina

Zone di produzione del Barbaresco DOCG

Il Barbaresco DOCG, rinomato vino rosso piemontese, trova le sue radici in un territorio specifico e ben definito della regione del Piemonte, nel nord-ovest dell’Italia. La zona di produzione di questo vino include i comuni di Barbaresco, Neive e Treiso, oltre a una parte della frazione San Rocco Senodelvio, che in precedenza apparteneva al comune di Barbaresco e ora è aggregata al comune di Alba. Queste aree si trovano all’interno della provincia di Cuneo e fanno parte della regione vinicola delle Langhe.

Le Langhe, caratterizzate da colline dolcemente ondulate e un terreno particolare, sono l’habitat ideale per la coltivazione del vitigno Nebbiolo, da cui il Barbaresco viene prodotto in purezza. Il paesaggio delle Langhe, modellato dal mutare delle stagioni, offre condizioni ottimali per la maturazione delle uve Nebbiolo, conferendo al vino caratteristiche uniche e distintive.

Nella zona di produzione del Barbaresco, si distinguono due aree principali: i colli di Barbaresco e Neive e i colli di Treiso. I primi sono noti per produrre vini dalla struttura solida, ricca di tannini e potenti, mentre i secondi sono celebri per i loro vini più legati alla finezza e all’eleganza piuttosto che alla struttura.

Ogni bottiglia di Barbaresco DOCG è quindi il risultato di una stretta relazione tra il vino e il suo territorio di origine, un legame che risalta nelle caratteristiche uniche del prodotto finito e che è apprezzato dagli intenditori di tutto il mondo.

Disciplinare del Barbaresco DOCG

Il disciplinare del Barbaresco DOCG stabilisce regole precise per la produzione di questo prestigioso vino rosso, garantendo così la sua qualità e autenticità. Secondo il disciplinare:

  • Vitigno: Il Barbaresco è prodotto esclusivamente con uve Nebbiolo al 100%, un vitigno che conferisce al vino le sue caratteristiche distintive.
  • Zona di Produzione: Le operazioni di vinificazione e invecchiamento del Barbaresco devono essere effettuate all’interno della zona di produzione, che include i territori delle province di Cuneo, Asti e Alessandria.
  • Resa Uva/Vino: La resa massima dell’uva in vino finito non deve superare il 70%. Al termine del periodo di invecchiamento obbligatorio, questa resa non deve essere superiore al 68%.
  • Invecchiamento: I vini devono essere sottoposti a un periodo di invecchiamento minimo di 26 mesi per il Barbaresco e 50 mesi per il Barbaresco Riserva, di cui almeno 9 mesi in legno.
  • Caratteristiche al Consumo: All’atto dell’immissione al consumo, il Barbaresco deve presentare un colore rosso granato, un odore intenso e caratteristico e un sapore asciutto, pieno, armonico. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è del 12,50%.
  • Norme Tecniche: Nella vinificazione e invecchiamento devono essere seguite le pratiche enologiche più razionali, inclusi l’arricchimento e altre tecniche riconosciute dalla legislazione vigente.
  • Certificazione e Riserva: Dopo il periodo di invecchiamento, il produttore può richiedere la tipologia “riserva” per i vini che soddisfano i requisiti.

Abbinamenti consigliati con il Barbaresco DOCG

Il Barbaresco DOCG, noto per il suo caratteristico colore rosso rubino e per le note di frutti rossi, pepe verde, noce moscata, nocciola e anice, si abbina splendidamente con una varietà di cibi, soprattutto piemontesi. Questo vino rosso, meno austero rispetto al Barolo e dotato di una certa delicatezza, si presta a diversi abbinamenti gastronomici.

  • Carni Rosse e Pollame: Il Barbaresco è ideale con carni rosse arrosto o pollame. La sua struttura e il profilo aromatico si sposano bene con la ricchezza e la complessità di questi piatti.
  • Selvaggina: Particolarmente indicato per piatti a base di selvaggina come fagiano e lepre, il Barbaresco riesce a esaltare il gusto intenso di queste carni grazie alle sue note speziate e di frutta rossa.
  • Formaggi Saporiti: I formaggi a pasta dura e saporiti sono un altro abbinamento classico. Il contrasto tra la struttura del vino e la ricchezza del formaggio crea un equilibrio gustativo molto piacevole.
  • Piatti con Tartufo: L’abbinamento con il tartufo è particolarmente consigliato, specialmente con il tartufo bianco d’Alba. La combinazione tra il vino e il profumo intenso del tartufo crea un’esperienza sensoriale unica.
  • Ricette al Barbaresco: Il Barbaresco può anche essere utilizzato in cucina per impreziosire diverse ricette, come il filetto al Barbaresco o il risotto sfumato al Barbaresco, aggiungendo una nota elegante e raffinata ai piatti.
  • Vino da Meditazione: Il Barbaresco è anche apprezzato come vino da meditazione, da gustare da solo o con stuzzichini leggeri come formaggio, miele e nocciole.

In generale, il Barbaresco, con la sua eleganza e complessità, offre un’ampia gamma di abbinamenti gastronomici, rendendolo un vino versatile e adatto a molteplici occasioni.

Prezzo
Prezzo - slider
1995
Selezione
Selezione
Mostra tutti
Confezione
Confezione
Nazione
Nazione
Mostra tutti
Regione
Regione
Mostra tutti
Tipologia
Tipologia
Mostra tutti
Produttori
Produttori